IL LAVORO

Nomadelfia vuole vivere il lavoro come atto d’amore, gratuito e disinteressato; vuole dimostrare che è possibile vivere una vita che ha alla base la gratuità.

Per questo motivo, i Nomadelfi lavorano all’interno della comunità senza chiedere un compenso in cambio. In nessuna famiglia si viene pagati per cucinare, riparare un lavandino o curare i bambini: perché si tratta di lavoro gratuito, fatto per amore. Così facendo, si vive una fraternità integrale, in cui si eliminano le differenze.

A Nomadelfia, tutti siamo disponibili a svolgere qualunque lavoro sia necessario: ogni lavoro è utile alla vita e per questo ha una sua dignità. I lavori pesanti o ripetitivi vengono svolti a turno, o insieme da tutta la popolazione. Noi li chiamiamo “lavori di massa”.

Non essere pagati non vuol dire rifiutare l’uso del denaro, che è un mezzo di scambio indispensabile nel mondo moderno, nel rapportarsi con l’esterno ed in particolare con lo Stato: come tutti i cittadini italiani, usufruiamo di alcuni servizi e paghiamo le tasse.

Il lavoro in forma cooperativa

Secondo quanto stabilito nella Costituzione Nomadelfia è impegnata a sostenere attività e iniziative “a sollievo materiale ed elevazione spirituale dell’umanità”.

Tutta la vita di Nomadelfia è impostata sul principio della gratuità, sull’essere per gli altri. Ne consegue che la gestione di Nomadelfia non può avvenire secondo i criteri tipici di una normale azienda. Per poter gestire una parte delle attività lavorative e fare in modo che il nostro lavoro sia riconosciuto dallo Stato, sono state costituite due cooperative: la Cooperativa Agricola e la Cooperativa Culturale.

La Cooperativa Agricola e di Lavoro Nomadelfia si occupa delle attività agricole e della vendita dei prodotti. La cooperativa assume a tempo determinato e parziale le persone necessarie allo svolgimento delle attività agricole e delle attività di manutenzione e riparazione connesse. La cooperativa versa i contributi Inps e gli stipendi agli assunti. Questi a loro volta usufruiscono dei benefici previdenziali previsti per i lavoratori dipendenti in agricoltura.

La Cooperativa Culturale Nomadelfia è responsabile delle pubblicazioni e della gestione dell’archivio.

l’impegno volontario e gratuito

Una parte importante delle attività di Nomadelfia è rivolta all’educazione dei figli, ed in particolare all’interno della scuola familiare. Fra le attività di cura c’è anche l’accompagnamento degli anziani e delle persone ospitate in comunità con necessità di assistenza.

A Nomadelfia sono inoltre presenti vari laboratori e uffici, che si dedicano a soddisfare una parte dei bisogni di un piccolo popolo di circa 300 persone.

Nel magazzino viveri vengono stoccati i generi alimentari acquistati all’ingrosso (pasta, sale, zucchero, etc…). I responsabili del magazzino provvedono anche alla spesa settimanale e alla sua distribuzione, sulla base delle indicazioni fornite da ogni gruppo familiare.

Nei magazzini di vestiario e calzature sono presenti capi acquistati all’ingrosso o donati da privati o aziende.

Gli altri laboratori si occupano della costruzione e della manutenzione degli edifici, delle macchine e degli elettrodomestici: laboratorio edilizio e idraulico, carpenteria, falegnameria, lavanderia, officina meccanica, sartoria, e anche un laboratorio televisivo per la gestione di una piccola rete televisiva interna.

Negli uffici troviamo le persone che si occupano degli aspetti amministrativi, fiscali e previdenziali delle varie aziende e persone. Vi è poi un archivio storico ed un archivio fotografico; un ufficio che segue gli aspetti legali legati agli affidi minorili; un ufficio che gestisce l’accoglienza degli ospiti.

Tra i vari impegni ci sono le attività domestiche nei 12 gruppi familiari, i lavori di manutenzione ordinaria delle abitazioni, ed i lavori di mantenimento e pulizia delle parti esterne a verde.

Oltre a queste attività, i Nomadelfi sono impegnati:

  • nell’accoglienza dei visitatori interessati a conoscere l’esperienza;
  • nell’apostolato;
  • nell’aiuto a tutte quelle persone che si trovano a vivere situazioni di povertà transitoria o permanente.

Se vuoi saperne di più, visita la pagina Nomadelfia per te

previous arrow
next arrow
Slider