LA COMUNIONE TOTALE DEI BENI

Per realizzare in modo radicale il principio di povertà evangelica, a livello personale, familiare e comunitario, Nomadelfia ha scelto la comunione totale dei beni.

La maggior parte dei beni sono di uso comune; rispetto ai beni di uso personale (come indumenti, libri, etc.), ognuno di noi si impegna ad agire secondo i principi di amministrazione responsabile, sobrietà e solidarietà: farne un uso appropriato, mantenerli e conservarli correttamente, non accumulare al di là delle proprie reali necessità.

Si tratta di una scelta di giustizia distributiva. Dove si condivide, si moltiplica: mettere in comune le esigenze, per farvi fronte insieme.

“Padre, quello che mio è tuo, quello che tuo è mio. Così siano essi perfetti nell’unità, affinché il mondo conosca che tu mi hai mandato”(Gv 17,21)

previous arrow
next arrow
Slider